Moleskine Smart Writing Set, #moleskine un corno

moleskine smartwritingset

Mettiamo le cose in chiaro: Moleskine non ha inventato un bel niente. Ho appena letto l’articolo di Wired sul rivoluzionario set con penna intelligente di Moleskine che promette di trasferire su digitale quello che scrivete su carta. La notizia mi ha subito incuriosito. Effettivamente una penna che trasferisce 1:1 su digitale quello che scrivi su carta è una cosa fighissima! Ma esiste da anni. Per di più, moleskin non ha nemmeno realizzato un’alternativa.

Il famigerato set di Moleskine si compone di una Penna Intelligente realizzata dalla Neo Smartpen , un’App sempre della Neo Smartpen ed un tristissimo e costosissimo blocknote della Moleskine.

La penna in questione è una Neo Smartpen N2 acquistabile su amazon a meno di 170 dollari, anche l’app è di Neo Smartpen ed è gratuita. La possiamo trovate sia su google store che App Store di apple.

Rispetto a 230 euro del set di Moleskine ci rimane un blocknote che, a quanto pare, costa all’incirca 50-80 euro.

Ok è chiaro che sia “marketing”. Comunque mi sembra piuttosto pompato come marketing, spesso succede che per spingere un prodotto lo si marchi con brand famosi (vedi le auto D&G o MOMO), ma sono chiaramente prodotti fatti in collaborazione. Mentre qui la Moleskine nasconde un po che di fatto del suo sacco c’è solo il blocknotes e la filiera di distribuzione (quest’ultimo forse il tassello che più manca alla Smartpen).

Essere Umano che fa “cose di Computer”, laureato in Scienze Informatiche con un tentativo mediocre di Ingegneria Informatica. Interessato al graphic design, interazione uomo-macchina, user experience ed interfacce utente. Appassionato di scienza, ciclismo e fotografia. Toglietemi tutto, ma non il caffè e le mie endorfine. Dimenticavo: #terrone.