Realtà virtuale per curare pazienti con Ictus, il riscatto dei Video Game

I Video Game non sempre sono visti di buon occhio, spesso sono associati a teenager con problemi di socialità che passano gran parte delle ore a giocare d’avanti ad uno schermo. Questo ovviamente è un luogo comune, ma ha i suoi aspetti di verità: quanto più sono immersivi questi video game, tanto più ci si impegna mentalmente negli obiettivi.

I Video Game oggi possono essere davvero chiamati “Realtà Virtuali” anche grazie all’avvento degli occhiali AR (ad esempio Oculus) e dei sensori ( es. Kinekt e Wii).

Più Passano gli anni più riescono, non tanto a simulare la realtà, quanto a creane di nuove sfruttando quasi tutti i sensi dell’essere umano (tatto e vibrazioni, suono…)  e le sue capacità cognitive (muoversi, osservare, parlare … ) rendendo il tutto molto più interessante per il nostro cervello.

235494C800000578-0-image-33_1416617686109

A dare importanza a questa modalità di interazione uomo-macchina troviamo il caso di una ricerca europea che mira a curare i pazienti colpiti da ictus attraverso l’uso dei tecnologie derivate dai video game.

Paul Verschure, psicologo coordinatore del progetto presso l’Università Pompeu Fabra spiega la teoria che è alla base della loro ricerca:

“La nostra teoria ci dice che il cervello è una macchina di apprendimento attivo.

Si costruisce continuamente modelli del mondo. Così abbiamo pensato che forse è necessario fornire al cervello nuove forme di stimolazione, nuove forme di addestramento orientate all’obiettivo in modo tale che il cervello impari a fare determinati compiti.

Questo è esattamente quello che facciamo attraverso la realtà virtuale “.

Dunque allo stesso modo in cui un video game classico, attraverso i colori, la storia ed i diversi obiettivi del gioco spingono i ragazzi impegnarsi quasi totalmente nel gioco… i ricercatori (i maniera sicuramente  meno avvincente e ludica) stimolano i pazienti affetti da ictus a muovere le proprie mani al fine di afferrare virtualmente alcuni oggetti sullo schermo, movimenti che sono interpretati da un sensore Kinect e trasferiti alla console che realizza la realtà virtuale.

maxresdefault

Il sistema in questione si concentra su ciò che gli scienziati chiamano il ‘recupero funzionale’, ad esempio raggiungere e afferrare.

“Questo si è dimostrato efficace nel costringere il cervello usare realmente il lato danneggiato”

Spiega il Dr. Susana Rodríguez González, uno specialista in medicina fisica e riabilitazione da Vall d’Hebron Hospital di Barcellona, ​​in Spagna.

Mentre Gloria Bou Ferreiro, un paziente con ictus rivela

“E ‘stato davvero motivante, sono stata in grado di migliorare notevolmente i movimenti delle braccia, in un modo naturale e quasi subconscio”

Nel corso degli ultimi tre anni più di 500 pazienti sono stati trattati con RGS negli ospedali di Barcellona e Tarragona ed in futuro RGS potrebbe anche essere utilizzato dai pazienti direttamente a casa. E tutto ciò ha bisogno solo di un software, un normale PC e il sensore di movimento.

Fonti:

Creative Commons License
Realtà virtuale per curare pazienti con Ictus, il riscatto dei Video Game by Domenico Monaco is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International